Lessico


Cedro Citrus medica
Malum medicum - Pomo della Media
Malum citreum di Scribonio Largo e Marziale

Malum latino un prestito greco: mlon, o mlon in dorico = pomo, mela.
Citrus un vocabolo mediterraneo, parallelo al greco kdros = cedro. Ma il Cedrus dei Romani non era un agrume: corrispondeva a piante della famiglia Pinacee, come per esempio il Cedro del Libano.
Citrus in latino aveva due significati:
1 albero del cedro o del limone per Plinio e altri
2 tuia per Plinio e altri, detta in greco th
a oppure thya, albero africano col cui legno fragrante i Romani fabbricavano mobili di lusso; da non confondere con gli attuali appartenenti al genere Thuja (orientalis, occidentalis, plicata o gigantea) della famiglia Cupressacee.

Notizie storiche affidabili

Il Cedro - Citrus medica - sembra sia originario dell'India e della Birmania. Di questo agrume si hanno antichissime testimonianze. Dalla Persia arrivato nei Paesi Mediterranei e, probabilmente nel III secolo aC, in Italia. (da www.agraria.org)

  

Citrus medica Cedro: fiore e frutto da www.agraria.org
La somiglianza di questo esemplare con il limone - Citrus limonum strabiliante.

Cedro
Citrus medica

Pianta sempreverde  della famiglia Rutacee (come larancio, Citrus aurantium), detta anche cedrato, originaria delle Indie orientali ma acclimatata sin dall'epoca romana - detta pomo di Media - nelle regioni mediterranee, dove fiorisce dalla primavera all'autunno. Si distingue dal limone per le foglie pi strette e il frutto pi grosso, carnoso e a scorza molto spessa e rugosa. Alto fino a ca. 3 m, ha rami diritti, rosso-violacei da giovani, con forti spine, e foglie grandi, coriacee, oblunghe e dentellate, di color verde glauco, munite di ghiandole oleifere e molto odorose. I fiori, porporini nel boccio, sono bianchi e profumati, riuniti in fascetti; i frutti sono costituiti da grossi agrumi (esperidi) ovoidi, oblunghi o tondeggianti, lunghi da 20 a 30 cm, con scorza gialla: contengono poca polpa gialla, acida o dolce a seconda della specie, e pochissimo succo. Dalla scorza del frutto si ottiene per distillazione l'olio essenziale (acqua di cedro), usato in medicina, profumeria e liquoreria. Anche il succo e i semi hanno propriet terapeutiche; la polpa contiene acido citrico.