Lessico


Obolo

Caronte traghettava sull'Acheronte i defunti
ai quali si poneva in bocca l'obolo per pagare il trasbordo.

UnitÓ monetaria e ponderale dell'antica Grecia equivalente a un sesto di dracma (0,568 g). Il nome (variante di obelˇs, spiedo) indicava originariamente i lingotti di bronzo o di rame usati come moneta. L'obolo era coniato in argento, qualche volta in oro e in epoca pi¨ tarda anche in bronzo.

Nel Medioevo il termine fu usato per indicare prima il mezzo denaro (etÓ carolingia), poi il mezzo grosso. Secondo una credenza popolare diffusa nell'antica Grecia, era la moneta posta nella bocca del defunto per pagare a Caronte il traghetto dell'Acheronte.